A+ R A-

La contabilizzazione energetica - agevolazioni

E-mail Stampa PDF

Le agevolazioni

Agevolazioni fiscali, proroga per il 55% e conferma definitiva per il 36% per il 2012

La legge finanziaria 2007, nei commi da 344 a 349, concedeva una detrazione fiscale del 55% in 3 anni (oggi in 10) relativamente ad alcuni interventi finalizzati al risparmio energetico. La contabilizzazione del calore rientra tra questi interventi, ma solo rispettando le condizioni dettate dal comma 344 (raggiungimento di una determinata soglia di efficienza energetica dell'edificio, che si può conseguire tramite una serie di interventi che rientrano tutti nell'agevolazione) oppure dal comma 347 (installazione di caldaia a condensazione, si veda in particolare l'art. 9 del decreto attuativo). A nostro avviso, relativamente al comma 347, la contabilizzazione viene agevolata solo in caso di contestuale installazione di caldaia a condensazione. Ciò che è assolutamente chiaro, relativamente al comma 347, è che per ottenere il 55% sulla caldaia a condensazione è necessario installare le valvole termostatiche, mentre la contabilizzazione, pur non essendo obbligatoria, rientra certamente tra gli interventi agevolabili col 55% insieme alla caldaia, alle valvole termostatiche, alla pompa a prevalenza variabile e a tutti gli altri indicati dettagliatamente nel decreto attuativo.

All'art.4 del decreto "Salva Italia"  2012, si prevede la proroga dell'agevolazione del 55% fino alla fine del 2012, con le stesse modalità previste per il 2011. Dal 2013 l'agevolazione sarà abbassata al 36%, come per le ristrutturazioni edilizie in generale. Per quanto riguarda invece il bonus del 36%, questo viene reso permanente, senza ulteriori necessità di proroghe annuali, in quanto inserito nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi - Tuir. Eliminata la possibilità di rateizzare in 3 o 5 anni per i contribuenti più anziani.

Cerca nel sito